Il monte Colombina è l’ultima propaggine della catena di monti orobici che parte dal monte Pora e giunge al lago d’Iseo e che si eleva sull’altopiano di Bossico. È alto 1459 metri e costituito di dolomia ed è erboso nel versante Sud, mentre a Nord è ricoperto da un bosco di pini e faggi.

La salita al Monte Colombina si effettua partendo da loc. Colle San Fermo, che raggiunge seguendo il sentiero rosso con partenza da loc. Pila (P1) o seguendo il sentiero verde con partenza da loc. Volpi/SetteColli (P2) e successivamente sentiero azzurro.

Se si decide di arrivare a loc. Colle San Fermo percorrendo il sentiero rosso che parte da loc. Pila (P1) , si transita anche in loc. Pozza d’Ast dove c’è un punto rifornimento acqua, tavolini e grande tettoia con riparo

Se si decide di arrivare a loc. Colle San Fermo percorrendo i sentieri verde e azzurro con partenza da loc. Volpi/SetteColli (P2) si transita dalla loc. Fursili’ dove si devia a sinistra seguendo anche  le indicazioni scritte su una fontanella d’acqua sorgiva in pietra. Proseguendo il sentiero costeggia un rudere chiamato Casì de la pest (casino ella peste) , così chiamato perchè la tradizione bossichese racconta che vi si rifugiarono persone nel 1630 per sfuggire al contagio della peste.

Il monte Colombina ( Monte Valtero) ha sulla sua vetta una croce eretta nel 1951  a ricordo dell’Anno Santo 1950.

I particolari dell’innalzamento e della benedizione sono descritti minuziosamente in un verbale scritto su pergamena, che è depositato in una cassettina nel basamento della Croce. La pergamena è contenuta in una bottiglia, unitamente ad un biglietto da £ 10 e uno da £ 5 ed alla penna e pennino che servirono per scriverla.

Eccone alcuni stralci: “Il giorno dell’Ascensione, 3-05-1951, la Croce venne trasportata su questa Cima con prestazioni volontarie, colle loro bestie, dagli abitanti.Le bestie, quasi  conscie della santa fatica, fin qui arrivarono coi carretti e la Croce, salendo per l’erta china e seguendo la così chiamata strada della Regina. Fatto mai prima avvenuto. L’innalzamento venne fatto il giorno di Domenica venti del mese di maggio dell’anno millenovecentocinquantuno da Schiavi Luigi fu Francesco coll’opera volontaria degli abitanti”

La Croce pesa 7 quintali, è alta m. 8,50, ogni braccio misura m. 1,60, è composta da N° 21 pezzi, N° 310 bulloni, da una targa in ferro, da due in ottone e da un gallo in ferro.

Sulla targa a metà Croce è inciso:” DALLA COLOMBINA LA CROCE PROTEGGERA’ BOSSICO” .

La croce e si trova a quota 1438 m.s.l.m., mentre il monte Colombina raggiunge quota 1459 m.s.l.m. lungo la sua cresta.

 

Contatti